Rejoice Ensemble

Omaggio al jazz sudafricano

Nel Sudafrica degli anni Cinquanta, nonostante la repressiva politica dell’apartheid, si sviluppa una corrente jazzistica che rappresenta un unicum per ricchezza e originalità. La contraddistinguono melodie orecchiabili, ritmicità prorompente, gioiosa spontaneità e un forte spirito di condivisione. I suoi brillanti musicisti, ostacolati dalle leggi razziali, sono costretti ad emigrare all’inizio degli anni Sessanta in Europa e negli Stati Uniti, dove sviluppano interessanti percorsi musicali, influenzati dagli stili con cui entrano in contatto. A Londra i Blue Notes, eccellenti jazzisti sudafricani, incontrano le avanguardie musicali e il free jazz inglese, dando vita ad una florida corrente di contaminazioni il cui esempio migliore è la travolgente orchestra dei Brotherhood of Breath guidata dal pianista Chris McGregor. Questo repertorio poco conosciuto presenta elementi inediti ed un grande valore comunicativo: rivendica i diritti di una popolazione oppressa attraverso l’affermazione culturale, con una musica spensierata ma incisiva, gioiosa ma portatrice di un grido di libertà.

Rejoice Ensemble

A partire dal 2015 la giovane chitarrista Lia Passadori lavora per riunire attorno a sé un gruppo di musicisti interessati a restituire visibilità a questo percorso musicale ed ai suoi contenuti culturali. Con questo repertorio nel 2016 si laurea con il massimo dei voti in chitarra jazz presso il Conservatorio Vivaldi di Alessandria. Il settetto propone oggi arrangiamenti originali delle composizioni di jazzisti sudafricani come Chris McGregor, Louis Moholo-Moholo, Dudu Pukwana, Harry Miller, Mongezi Feza, Abdullah Ibrahim e altri.


Lia Passadori (chitarra)
Cecilia De Lazzaro (voce)
Luca Benedetto (tromba)
Gabriele Cappello (sassofono tenore)
Zevi Bordovach (pianoforte)
Andrea De Ferrari Calvo (contrabbasso)
Gabriele Luttino (batteria)

Mercoledì 7 Novembre 2018, ore 20

Osteria RABEZZANA - Via S. Francesco d’Assisi, 23/c – Torino