header-image

Moncalieri Jazz: Presentazione.

Moncalieri Jazz Festival

La XIX Edizione Moncalieri Jazz Festival 2016

L’Associazione C.D.M.I. di Moncalieri, dopo i grandi successi delle passate edizioni, anche per l’anno 2016 ripropone l’evento “Moncalieri Jazz Festival 2016” giunta alla sua 19^ edizione, come di consuetudine l’apertura del Festival è fissata per sabato 29 Ottobre, tocca a la “Notte Nera del Jazz” che quest’anno festeggerà il suo decennale nel Centro Storico della città ad INGRESSO LIBERO, con una maratona musicale notturna che la scorsa edizione ha entusiasmato tutta la città e non solo. Lo dimostrano le 30.000 presenze nell’arco dei quindici giorni del festival, il forte incremento di presenze turistiche nel mese di novembre, le troupe televisive e radiofoniche, giornalisti del piccolo e grande schermo, della carta stampata e critici musicali che dedicano grande attenzione al Festival di Moncalieri, la presenza massiccia di musicisti e spettatori che affollano i vari appuntamenti musicali del festival.

Questi elementi caratterizzano quello un vero e proprio evento mediatico d’importanza nazionale, ossia il Moncalieri Jazz Festival. La città piemontese è oramai un punto di riferimento per quanti amano il Jazz, non solo per la straordinaria vena creativa della direzione artistica, che di anno in anno inventa e realizza delle edizioni sempre originali con spunti innovativi, ma per lo stretto legame che si è instaurato tra il pubblico, proveniente dall’Italia e dall’estero, che attende di anno in anno la manifestazione musicale che a livello nazionale ha saputo ritagliarsi uno spazio importante tra i Festival più longevi della penisola. Un riconoscimento da parte del MIBACT (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo) è quello di esser stato inserito come uno dei festival più importanti d’Italia nell’elenco dei festival di qualità presenti per l’esposizione mondiale Expo Milano 2015. Non ultimo importante riconoscimento ed apprezzamento fatto al Moncalieri Jazz Festival, grazie soprattutto al coordinamento del suo Direttore Artistico Ugo Viola, è quello di essere stato il Festival di riferimento per il Piemonte a Torino, nell’organizzare il 4 settembre 2016 l’evento “Il Jazz Italiano per Amatrice”, sostenuto e promosso dal MIBACT (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo) e realizzato da Associazione I-Jazz, unitamente a MIDJ (Musicisti italiani di Jazz) e Casa del Jazz. A tal proposito, Il Moncalieri Jazz Festival, facente parte di I-Jazz (Associazione Nazionale dei Festival Italiani di Jazz), in occasione del decennale della “ Notte Nera del Jazz ”, continuerà la raccolta fondi sull’iniziativa “Il Jazz Italiano per Amatrice e gli altri territori colpiti dal sisma” per la ricostruzione del Cinema Teatro “ Giuseppe Garibaldi “ di Amatrice, luogo simbolo della cultura della città.

Questa edizione sarà dedicata in gran parte a “I Giovani Talenti del JAZZ”.

Il festival seguirà come di consueto la scaletta degli eventi ormai classica: L’apertura del Festival sabato 29 ottobre con il Decennale della Notte Nera del Jazz - maratona musicale che avrà luogo nelle piazze, nelle vie, nelle dimore storiche del centro storico cittadino, dove numerosi concerti coinvolgeranno il pubblico (più di 15.000 presenze nella passata edizione) in una nottata musicale suggestiva e magica, che ormai rappresenta un vero e proprio appuntamento imperdibile per gli appassionati e non. Per questa edizione straordinaria, soltanto nella giornata della Notte Nera del Jazz, saranno presenti quasi 150 musicisti !!! Il tutto avrà inizio alle ore 17, in uno dei punti più strategici della Città di Moncalieri: partendo dall’Arco Navina la marchin’ band umbra P-FUNKING BAND percorrerà le Vie San Martino e Matteotti in versione marciante suonando, camminando e danzando ; alle ore 19,00 saranno presenti più di 150 musicisti tra gruppi musicali e marchin’ band come la ROUTE 99 composta da 14 giovani musicisti pugliesi, che allieteranno a suon di jazz, 10 locali e luoghi del centro storico cittadino nell’ora dell’Aperitivo in Jazz.

A festeggiare il decennale della “Notte Nera del Jazz” nella centrale Piazza Vittorio Emanuele II, alle ore 21,00. ci sarà un doppio concerto, infatti, dopo 10 anni ritorna al Moncalieri Jazz Festival “GEGE’ TELESFORO” quintet che lo ha visto protagonista proprio nella prima “Notte Nera del Jazz”, il suo quintetto è formato da: Gegè Telesforo (voce), Alfonso Deidda (sax, flauto e voce), Seby Burgio (pianoforte), “Fratello” Joseph Bassi (contrabbasso) e Dario Panza (batteria). La seconda parte sarà caratterizzata dal “Jazz Cubano”: con il grande batterista HORACIO “EL NEGRO” HERNANDEZ con il progetto “ITALUBA quartet”. Il gruppo è così composto: Horacio Hernandez (batteria), Amik Guerra Lig Long (tromba), Ivan Bridón Nápoles (pianoforte e tastiere) e Daniel Martinez Izquierdo (basso).

Ma la Notte a Moncalieri…non è soltanto Nera… è anche… lunga…, di conseguenza non finisce qui, infatti intorno alle ore 24,00 la festa si sposterà tutta in Via Santa Croce, dove saranno allestiti vari punti “gastronomico/musicali” con il Gusto in Jazz, con altri 3 gruppi musicali ed altrettanti 5 postazioni enogastronomiche, che accontenteranno tutti i gusti del pubblico più nottambulo presente.

La seconda fase della manifestazione sarà L’Aspettando il Festival ossia il vero è proprio approfondimento musicale che fa del Moncalieri Jazz Festival, un evento musicale unico nel panorama regionale. Lezioni/concerto per le scuole di ogni ordine e grado, Università della Terza Età, gemellaggi musicali, concerti negli esercizi commerciali della città, rassegne cinematografiche con tematiche jazz, concerti nelle associazioni cittadine. Questa serie di eventi sono la vera e propria ossatura sulla quale si costruiscono i quindici giorni del festival, facendo della città un palcoscenico globale. Alcuni eventi da ricordare: giovedì 3 novembre una serata dedicata ai “Giovani Talenti” il gruppo The Essence Quartet capitanato dalla splendida e talentuosa sassofonista finlandese Sara Kary presso i locali del Gelato artigiano si esibirà con il suo quartetto del Corso di musica d’insieme Jazz, del Conservatorio “ Giuseppe Verdi di Torino” con brani originali e standard. Mentre il venerdì 5 novembre, per la serata intitolata: “A cappella in Moncalieri Jazz” presso i locali della Famija Moncalereisa si esibirà il Gruppo Vocale Chorus, composto da 6 voci soliste dirette da Mario Allia. E per finire sabato 5 novembre presso Il Castello Reale nei locali della Cavallerizza, sarà la volta della serata dedicata allo “Swing Dance” con i Turin Cats, che faranno rivivere le atmosfere vintage degli anni 30/40 con il ballo che ha segnato un’epoca: il Lindy Hop coordinata da Giorgio Finello & Doriana Galliano, ballando sulle magiche note della NP Big Band diretta da Roberto Resaz omaggiando la “Swing Era”; è previsto con i maestri un wokshop gratuito dalle ore 17,00 alle ore 18,30 con prenotazione obbligatoria. Ma il MJF è anche Cine&Jazz, in collaborazione con Piemonte Movie lunedì 7 novembre al Teatro Matteotti di Moncalieri verrà proiettato il film “All The Jazz” regia di Bob Fosse, film interpretato da Roy Scheider e Jessica Lange.

E per concludere: Il Festival vero e proprio, che si concentrerà sulle serate clou, dove verranno organizzati tre grandi concerti presso le Fonderie Teatrali Limone: nella prima serata dal titolo “ dallo Spiritual al Gospel” venerdì 11 novembre salirà sul palco un grande musicista, nonché un grande amico, ormai ospite fisso negli ultimi anni del Moncalieri Jazz Festival: il trombettista Fabrizio Bosso, con il suo gruppo denominato “Spiritual Trio” composto da Fabrizio Bosso (tromba), Alberto Marsico (organo) e Alessandro Minetto (batteria); ma per l’occasione come special guest sarà presente il cantante Walter Ricci . Lo Spiritual Trio sono reduci da un tour in Colombia, mentre Walter Ricci invece rappresentava l’Italia e vinceva il New Wave Contest di Sochi. Come si evince dal titolo, nella seconda parte della serata, toccherà alla musica gospel, a salire sul palco sarà uno dei più importanti gruppi gospel italiani i “Sunshine Gospel Choir” diretti da Alex Negro, che si aggiungeranno alla voce di Walter Ricci ed allo “Spiritual Trio”, preannunciando … un finale con il botto !!!

Sabato12 novembre sempre alle Fonderie Teatrali Limone di Moncalieri, sarà una serata dedicata ai “Nuovi e Vecchi Talenti” il primo a salire sul palco sarà il giovane pianista piemontese: Fabio Giachino, classe 1986, considerato uno dei maggiori talenti apparsi sulla scena musicale italiana degli ultimi anni. Vincitore di numerosi concorsi e premi; nel 2015, in trio, ha rappresentato ufficialmente la città di Torino a Bruxelles e a Barcellona in onore dell’Expo-TO. Nel 2016 è stato selezionato dall’Associazione nazionale MIDJ (Musicisti Italiani Di Jazz) ” per una residenza d’artista di tre mesi presso l’ambasciata italiana a Copenaghen, dove oltre ad aver collaborato con i principali musicisti danesi si è esibito presso l’Istituto Italiano di cultura ed ha registrato un disco che sarà prodotto nel 2017.

Nella seconda parte della serata ad esibirsi sul palco delle Fonderie, toccherà ad uno dei gruppi più longevi talenti della storia del jazz : i “Cookers”, 7 musicisti di vecchia generazione che portano ancora avanti lo stile, l’agilità e il gusto di un jazz che non tramonterà mai, ma che resterà nei ricordi per le future generazioni. Il gruppo è formato da: David Weiss (tromba), Eddie Henderson (tromba), Craig Handy (sax alto), Billy Harper (sax tenore), George Cables (pianoforte), Cecil McBee (contrabbasso) e Billy Hart (batteria).

A chiudere il MJF 2016 domenica 13 novembre, non poteva che essere una serata che gli organizzatori ogni hanno dedicano a: “I Giganti del Jazz ”. Quest’anno l’arduo compito, toccherà al gruppo “Aziza formato per eccellenza da un “poker d’assi“ come: Dave Holland (contrabbasso), Chris Potter (sax), Lionel Loueke (chitarra) e Eric Harland (batteria) . Una vera “all star band” che unisce quattro fuoriclasse della scena mondiale. Dave Holland è, su tutti, maestro assoluto: bassista di Miles Davis [ne] in dischi basilari per la storia del jazz come “In a Silent Way” e “Bitches Brew”, ha suonato al fianco di Chick Corea, Antony Braxton, Sam Rivers, Stan Getz, Herbie Hancock e Thelonious Monk. Firma ECM (come l’esordio capolavoro da leader “Conference Of The Birds”) dai primi anni Settanta, negli ultimi decenni si dedica regolarmente alla propria musica, toccando vertici di assoluto livello nei quali le sue band raggiungono sound ed energia astrali. Chris Potter è la “sublimazione” del sax oggi: a meno di cinquant’anni è già un riferimento per generazioni di musicisti, ha 15 incisioni all’attivo e oltre 100 partecipazioni a cd ed è solista affiatato nelle band di Pat Metheny, Herbie Hancock, Paul Motian. Loueke, originario del Benin, porta le sue radici nel suono e – ancora studente – suona con Blanchard, Hancock e poi con Kenny Garrett, Charlie Haden, Roy Hargrove ma anche Sting e Santana. Harland con il suo piglio insieme autorevole e raffinato – è da tempo al fianco di Holland e Potter, e ha suonato anche con Joshua Redman, Terence Blanchard, McCoy Tyner e Charles Lloyd.

Una tappa importante al Moncalieri Jazz festival, che mette in lustro la città di Moncalieri, insieme a parità di altre città europee come: Londra, Berlino, Parigi, Amsterdam.

Questo progetto culturale, consoliderà la leadership della città di Moncalieri a livello regionale, e la porrà a livello nazionale ed internazionale per quanto riguarda il festival jazz, in cui esibirsi è ormai divenuto sinonimo di crescita artistica, come più volte confermato dalle numerose richieste che gli stessi musicisti jazz, fanno per esibirsi. Notevole è inoltre, l'attenzione prestata dalle riviste specializzate, e la costanza con la quale viene seguito dai mass media nazionali il Moncalieri Jazz Festival.

L’Associazione C.D.M.I. di Moncalieri organizzatrice del Moncalieri Jazz Festival, a nome del suo Presidente e Direttore Artistico, ringrazia tutti coloro che a vario titolo hanno creduto in questo progetto: con il riconoscimento da parte del MIBACT (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo) con il contributo della Città di Moncalieri, della Regione Piemonte, del Consiglio Regionale del Piemonte, con il sostegno della Fondazione CRT, ITALDESIGN e degli sponsor locali, con la collaborazione del I° Reggimento Carabinieri Piemonte, della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Torino, Asti, Cuneo, Biella, Vercelli, di I-JAZZ (Associazione Nazionale di Festival Jazz Italiani), MIDJ ( Musicisti Italiani Di Jazz), della Famija Moncalereisa, di Piemonte Movie, Associazione Commercianti e Professionisti “ In Moncalieri” e di Moncalieri Giovane.

Moncalieri li, 26 settembre 2016

Il Presidente Piera Cerardi
Direttore Artistico Ugo Viola