Amarcord … ricordando cento anni di Federico Fellini

DOPPIO CONCERTO

DOMENICA 15 NOVEMBRE ore 17.00 / 20.30
Fonderie Teatrali Limone – Moncalieri
Via Eduardo De Filippo - Moncalieri

Una suite musicale scritta dal Maestro Andrea Ravizza, in veste di arrangiatore e direttore, celebrerà degnamente la figura del grande regista italiano famoso in tutto il mondo. Un progetto musicale che prevede l’interpretazione di colonne sonore di film come “La dolce vita”, “8 ½”, “La strada”, “Amarcord”, “Ginger e Fred” e molti altri.

I brani saranno eseguiti da un ensemble creata ad hoc per una produzione originale del MJF 2020: Fulvio Chiara alla tromba, Albert Hera alla voce e sax soprano, Fabio Giachino al pianoforte, Federico Marchesano al contrabbasso, Alessandro Minetto alla batteria, il Quartetto d’Archi di Torino composto da Edoardo de Angelis violino, Umberto Fantini al violino, Andrea Repetto alla viola e Manuel Zigante al violoncello. Per l’occasione, per la prima volta, suonerà al Moncalieri Jazz Festival, il Direttore Artistico Ugo Viola alla fisarmonica. In questo concerto verranno unite 3 arti: cinema, musica e anche arte, grazie all’illustratrice Giorgia Molinari, che durante il concerto darà vita ad illustrazioni grafiche ispirate ai film in programma.

Avremo l’onore e il piacere di avere sul palco per l’occasione, la nipote, nonché unica erede, del grande Maestro Federico Fellini, Francesca Fabbri Fellini. Quest’ultima con i racconti e le fotografie dei suoi ricordi, ripercorrerà la vita del Maestro e ci racconterà aneddoti legati al set e all’importanza che la musica ha avuto all’interno dei suoi film.

Francesca Fabbri Fellini è nata a Bologna nel 1965 sotto il segno dei Gemelli,ascendente Bilancia. Da quel giorno è scritto nelle stelle che sarà curiosa, dotata di grande senso dell’umorismo, del teatrale, di doti comunicative e una grandissima simpatia.

Alla continua ricerca di stimoli intellettuali.

La sua professione da grande?

Avrà a che fare con il mondo della parola.

A Bologna,il 6 giugno del ‘65, il giorno del suo battesimo, i suoi genitori, Maria Maddalena Fellini e il dott. Giorgio Fabbri scelsero come padrino lo zio, Federico Fellini e come madrina, la zia, Giulietta Masina. Lo zio ‘Chicco’, come lo chiamava lei, le insegnò sin da piccola che esistono due vite: quella ad occhi aperti e quella ad occhi chiusi.

Da emiliano-romagnola è dotata di coraggio personale,laboriosità,vivo senso dell’ospitalità,carattere franco,aperto e allegro.

Si diploma al Liceo Linguistico.

A 23 anni dopo la laurea in Lingue e Letterature Straniere si trasferisce a vivere a Roma dove la sua vita si svolgerà sino al 2006, anno del ritorno a Rimini dove ad oggi vive e lavora.

Nel 1987 ha firmato la sua prima scrittura in video con la Rai, per il programma “Muoviamoci” su Rai Due, con Sidney Rome, ben 180 puntate.Dopo questa esperienza, ha firmato molti altri contratti con la Rai, con la qualifica di scrittura in video.

Dal 1999 al 2006 è stata una delle inviate de “La vita in diretta”, lo storico contenitore pomeridiano in onda sulla Rai dal 1991.

Ha lavorato con celebri autori televisivi come Michele Guardì, Enza Sampò, Giovanni Minoli, Daniel Toaff,Licia Colò.

 

 

 

 

La televisione le piace molto, ma il cinema è da sempre nel suo Dna (si definisce “cresciuta a cinema e tortellini”): tra il 1993 e il 1997 ha collaborato con il network radiofonico RTL 102.5, occupandosi proprio di cinema, e grazie a questa esperienza è diventata giornalista professionista nel 1997.

Francesca nel 2003 con la mamma Maria Maddalena, firma un volume di ricordi e ricette dal titolo: ‘A tavola con Fellini’ che in una nuova edizione del 2013 diventerà ‘A tavola con Fellini- Ricette da Oscar della sorella Maddalena.’

La cucina, la famiglia,il cinema e i film.

Un Federico Fellini raccontato attraverso le sue preferenze e le abitudini a tavola.

Un viaggio tra i sapori della tradizione emiliano-romagnola e la storia del cinema mondiale.

“Un libro per diffondere al mondo intero la passione di Fellini per la cucina tradizionale”.Questo è il motivo che ha spinto Francesca, a pubblicare questo volume.

Dal 2004 al 2006 ha firmato e condotto sempre sul network radiofonico RTL la trasmissione “Asa NIsi MAsa – L’ANIMA del cinema” che prendeva il nome dalla frase magica ripetuta da Guido/Mastroianni, protagonista di “Otto e mezzo”di Fellini.

Dal 2009, dopo l’incontro con il fotografo Graziano Villa (compagno di vita e di lavoro) si occupa della curatela delle sue mostre fotografiche, dall’ideazione alla realizzazione finale.

Gestisce e organizza il portfolio del Villa, presentandolo a gallerie e festival.

Elabora progetti di mostre fotografiche, scrive comunicati e gestisce la comunicazione dell’evento in maniera autonoma, conoscendo anche le tecniche di illuminazione ed allestimento utili per le esposizioni.

 

 

 

 

 

La ‘Fellinette’, così la chiamava lo zio Federico,( disegnandola a pastelli in un foglio di quaderno), ama la buona tavola, il cinema, il teatro, la radio, i libri, la fotografia, i fiori e soprattutto fare lunghe passeggiate sulla spiaggia con il suo più grande amico: Alfie,un barboncino bianco al quale manca la parola.

Per le celebrazioni del centenario della nascita dello zio Federico Fellini, Francesca ha scritto e diretto un cortometraggio a tecnica mista che parte dall’animazione del disegno che le ha fatto da bambina,’La Fellinette’, per arrivare in un sogno in live action e fare ritorno nell’animazione con un gran finale.

Per il suo debutto alla regia Francesca ha scelto una favola muta sospesa tra sogno e realtà.

Francesca Fabbri Fellini è l’ultima erede per Dna del Maestro Federico Fellini.

E’ Ambasciatrice nel mondo dell’Uomo dai 5 Oscar.

Un collega giornalista un giorno le ha detto:’Ti auguro di cuore Francesca di rimanere senatrice a vita dell’onirico felliniano nel mondo!’

La vita di Francesca Fabbri Fellini in un’aforisma?

‘Nulla si sa, tutto s’immagina’.

Ugo Viola: fisarmonica

Fulvio Chiara: tromba

Albert Hera: vocesax soprano

Fabio Giachino: pianoforte

Federico Marchesano: contrabbasso

Alessandro Minetto: batteria

Quartetto d’Archi di Torino:

Edoardo de Angelis violinoUmberto Fantini violino

Andrea Repetto viola – Manuel Zigante violoncello

Andrea Ravizza: Arrangiatore e Direttore

Giorgia Molinari: Illustratrice

 

Back to top button